Giornata della memoria secondo M5S

Dopo la scritta “arbeit macht frei” sfregiata da Grillo su un post; dopo la chiamata in causa di Anna Frank quale sicura elettrice del m5s se fosse stata viva; dopo i vari sgarbi dell’ottavo municipio romano con le pietre d’inciampo dedicate ai morti nei lager nazisti; dopo la ridicola estensione del biglietto gratuito per i mezzi pubblici ai reduci dei campi di sterminio nella Capitale; ecco che – questa volta sotto la Mole – si consuma l’ennesimo flop pentastellato con la Comunità Ebraica. Il protagonista è il Presidente del Consiglio Comunale torinese, Fabio Versaci, trentenne, diploma di Perito Chimico, 5900 euro di stipendio mensile “non tagliato” (come asserisce Vittorio Bertola ex capogruppo al consiglio comunale di Torino per il Movimento 5 Stelle sulla sua pagina facebook).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*