Eventi

Mandoma’ me so scetatu cu nu penzieru e na preghiera.

Abruzzu me, jennaru male ha comenzatu,
pure la fontana ha jelatu, quattro scettecate e na nevicata
e quanti morti cià portatu,

Dalla montagna aju mare tuttu biancu a diventatu.
Sottu a na slavina aspettano e solo tanta neve pe se disseta’.
Corrono come pazzi ‘ nmezzu alla notte ammonte a Rigopianu, coju zainu e la piccozza, co la bifirina e montagne de neve,
pe da la speranza a chi dalla morte se urria sarvà .

Po’ arrja n’atra nutizia: nu sciatoru s’ha fattu male,
jemoju a repija’.
Vola ju 118 e so ji stessi che prima porteano zainu e piccozza.
Non se sa come, se so troati la montagna ‘nfaccia , po na scettecata , tutto zittu, nisciunu s’ha sarvatu.
Janno retroati ji amici, e sopra nu zainu e na piccozza solo lacrime hanno jettato.

Maronna me fa sci’ stu jennaru e aiutace a recomenza’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*