L’Istat: nel 2016 un aumento del Pil dell’1%

Nel 2016 il Pil italiano è aumentato in termini grezzi dello 0,9% rispetto al 2015. Lo rende noto l’Istat in base alla stima flash, precisando che il dato corretto per gli effetti di calendario segna invece un aumento dell’1,0% (nel 2016 vi sono state due giornate lavorative in meno rispetto al 2015). Nel Documento programmatico di bilancio di ottobre scorso, il governo ha stimato per il 2016 un rialzo del Pil (in termini grezzi) dello 0,8% dopo lo 0,7% del 2015. Il dato di oggi è quindi leggermente superiore alle stime italiane e in linea invece con quelle Ue.

+0,2% in quarto trimestre 2016. Nel quarto trimestre del 2016 il Pil italiano corretto per gli effetti di calendario destagionalizzato, è aumentato dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dell’1,1% nei confronti del quarto trimestre del 2015. Lo rende noto l’Istat nelle prime stime. Il quarto trimestre del 2016 ha avuto tre giornate lavorative in meno del trimestre precedente e due in meno rispetto al quarto trimestre del 2015. Il dato mostra un lieve rallentamento rispetto al terzo trimestre, chiusosi a +0,3%.

Variazione acquisita 2017 a +0,3%

La variazione acquisita del Pil per il 2017 è pari a +0,3%. Lo calcola l’Istat in base alle stime preliminari sull’andamento dell’economia italiana nel 2016. La crescita acquisita è quella che si otterrebbe in presenza di una variazione congiunturale nulla nei restanti trimestri dell’anno.

fonte istat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*