a chi tocchera’ domani, chi sara’ la prossima vittima di questa informazione forcaiola?

A chi tocchera’ domani, chi sara’ la prossima vittima di questa informazione forcaiola?

Oggi e’ difficile anche per una mente sana restare impassibile davanti a titoloni di giornali e programmi tv su giudizi e condanne che si emettono cosi’ facilmente. Questo modo di fare giornalismo e’ davvero avvilente. Confondere e sfruttare il disagio che abbiamo in Italia per pilotarci verso una cosa o l’altra e’ molto facile. La ferocia con cui si scagliano contro presunti colpevoli una parte o l’altra di schieramenti filopolitici e’ diventata disgustosa. I mass medie che si sostituiscono ai giudici e’ di un’incivilta’ assurda. Io non so cosa porta un giornalista a trarre sentenza, fino a prova contraria sono solo i giudici a emettere sentenza su questa terra. La santa inquisizione e’ storia, una storia che si vuol ripetere? Vogliamo ripetere gli orrori del passato? La persecuzione di razza, di religione, di colore e ora anche la persecuzione mediatica e’ da bandire. La pericolosita’ delle notizie che oggi i mass media lanciano con tanta leggerezza e’ da condannare penalmente. Una sana riflessione da parte di chi esercita la legge e’ da fare, esprimersi nei riguardi di questi che infangono l’onesta’ della persona che fino a giudizio finale restano innocenti e’ da valutare subito prima che la legge venga sostituita da forcaioli occasionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*